Comunicare per scoprirsi

Come mai comunicare in modo scritto è più facile che farlo faccia a faccia? Si potrebbe pensare che sia a causa dell’anonimato, ma credo ci sia ben altro in gioco. Secondo la letteratura di psicologia, la comunicazione è in gran parte non-verbale, fatta di gesti atteggiamenti, sguardi, inflessione della voce, postura, ecc. Senza contare che i due tipi di dialogo hanno ritmi molto diversi e profonde differenze dal punto di vista psicologico.

Tramite le email, le chat, i forum si finisce per crearsi una maschera: un’identità alternativa. E questo va a snaturare la funzione principale del rapporto, che per me è scoperta reciproca e soprattutto indagine di sè. Com’è possibile scoprire sè stessi se si indossa una maschera?

Tutto sta nell’atteggiamente, io qui scrivo d’impulso, per una platea invisibile che io associo al mio animo. E’ quasi una terapia, anzi lo è. Perchè nessuno può vivere tenendosi tutto dentro. Evviva l’osmosi!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...