L’inferno dei feeds

Chiunque segua o sia parte della blogsfera, conoscerà questo problema: l’interminabile lista dei feed a cui si è iscritti. Specialmente agli inizi è facile farsi prendere dall’entusiasmo e dalla frenesia aggiungendone di nuovi giorno per giorno. Ma alla lunga ci si rende conto che il tempo da dedicare alla lettura diventa decisamente troppo. E’ davvero necessario avere tutti quei feed? La risposta è semplice: no!

Un caso estremo è quello di un blogger che ha dichiarato di leggere più di 600 feed al giorno: una mostruosità. I blog sono molto utili, ma quando il tenersi aggiornati comincia a diventare fonte di stress è tempo di regolarsi.

In pratica come fare? Basta cominciare a vedere la lista: ce ne saranno diversi che puoi subito eliminare, altri saranno aggiornati pochissimo. L’idea è quella di ridurli all’essenziale, e tenere solo quelli veramente interessanti e utili. Non è necessario fare tutto subito, si può fare nel corso del tempo, tagliando via le parti inutili e scolpendo con il tempo la propria fonte di informazioni.

Piuttosto che avere mille feed da leggere perdendoci un sacco di tempo senza apprendere nulla, è meglio averne pochi ma buoni per poi VIVERE la propria vita.

Interessante in proposito il post di ZenHabits.

Annunci

5 pensieri su “L’inferno dei feeds

  1. Si impone davvero una selezione, in questo ed in altri ambiti della vita “internettiana”. La marea di informazione rischia di farci soffocare e di farci perdere quell'”unum necessarium”, quella “perla preziosa” che serve, come dici bene, per “vivere” la propria vita.
    Puoi essere sicuro che il giorno che farò pulizia dei miei “feeds” (29 in data odierna) “La Via senza Nome” rimarrà tra i pochissimi. Anzi, nella tradizionale ipotesi (aggiornata) di approdare ad un’isola deserta soltanto con un “feed”, sarebbe proprio questo che mi porterei dietro.

  2. Sono io ad esserti veramente grato del tuo blog. È una lettura che trascende l’informazione e diventa spunto di riflessione e di crescita. E questa non è una pianta troppo comune nell’immenso orto di Internet!

  3. Pingback: Come semplificare la propria digital-life « La Via SenzaNome

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...