Come diventare un libero pensatore

Traduzione del post “5 modi per sviluppare il pensiero indipendente” di Tom O’Leary ospite su Pick The Brain.

Ad una classe piena di bambini di 10 anni viene chiesto di risolvere un problema in cui dei piccoli attraversano la strada per andare a scuola. A questi bambini vengono idee che sono già state usate con successo in altri posti: apparecchi per regolare il traffico, sottopassi, casacche fluorescenti e limiti di velocità. Tutte queste idee sono convenzionali, esattamente quello che l’insegnate vuole sentirsi dire.

Ad eccezione di uno. Uno studente raccomanda che la direzione scolastica venda la proprietà e sposti gli insegnamenti online. Questo non è ciò che l’insegnate si aspettava.

Questa idea può non essere pratica, popolare, o possibile, ma quando viene ridicolizzata dalla classe può diventare l’ultimo pensiero indipendente che quello studente esprimerà – la morte di un altro pensatore indipendente [libero pensatore].

Il pensiero indipendente non è popolare – è assolutamente raro e senza prezzo. Niente di quello che leggi nei giornali o vedi in televisione è indipendente. Qualunque cosa prendiamo dai media popolari è conoscenza convenzionale rigurgitata. Non c’è niente di indipendente circa la maggior parte del mondo.

Questa è una tragedia – il pensiero indipendete è essenziale per il progresso. Il pensiero convenzionale nel migliore dei casi ci fa avanzare gradualmente (nel peggiore ci spinge indietro). Il pensiero indipendente è richiesto per ogni sostanziale salto in avanti.

Logicamente, quando pensiamo come pensa chiunque altro, il meglio che ci possiamo aspettare è di raggiungere ciò che è già stato raggiunto. Se il nostro obbiettivo è superare i limiti, è necessario evitare le stesse banali influenze e pensare l’impossibile. Dobbiamo diventare indipendenti dalla saggezza popolare.

Fortunatamente, non c’è bisogno che tu sia particolarmente intelligente o ben istruito per pensare in modo indipendente. Prendiamo per esempio un bambino piccolo. La saggezza popolare dice che le scarpe sono fatte per essere indossate e le banane per essere mangiate. Il pensiero indipendente consente al bambino di provare a mangiare le scarpe e indossare ai piedi le banane. La sua ignoranza sulla saggezza popolare e completa noncuranza per come gli altri considerano le sue decisioni, permettono al bambino di sperimentare senza ansia. In questo caso può essere in errore, ma in altri casi potrebbe essere incredibilmente nel giusto.

Usando queste 5 strategie, puoi sviluppare l’abilità di pensare in modo indipendente.

1. Disconnettiti dalle sorgenti di pensiero convenzionale

Invece di cercare le tue risposte in TV, PC o libreria, pensaci prima da te. Senza tagliarti fuori dal mondo, puoi migliorare la tua capacità di pensare in modo indipendente limitando le opinioni convenzionali che assorbi. Questo significa ridurre i media che consulti e il livello di devozione che gli dai. I liberi pensatori non vanno necessariamente controcorrente, ma non sono d’accordo di default con lo status quo. Loro concepiscono nuovi criteri per percepire il mondo, invece che vedere tutto attraverso lo schermo del loro computer.

2. Immergiti in esperienze che entrano in conflitto con la tua attuale prospettiva

Invece di sostituire un nuovo pensiero convenzionale ad un altro vecchio, cerca deliberatamente esperienze che sfidano la tua visione. Queste esperienze possono esistere in culture straniere, inusuali sottoculture, o tra le pagine di un libro con il quale sei in disaccordo. Il punto è distruggere i binari convenzionali invece di adottare un nuovo treno di pensieri.

3. Guarda il processo da distante

Lasciarti dietro la tua vita normale può darti la libertà di vedere le cose da un’altra prospettiva. Guardare il mondo invece di farsi consumare da esso, ti dà la pace della mente per poter pensare con la tua testa. Questo modo di fare, di tanto in tanto ti dà anche l’opportunità di ridicolizzare le tue stesse credenze e di esplorare tutto da nuove angolazioni.

4. Randomizza i tuoi input sensoriali

Invece di visitare gli stessi posti, magiare il solito cibo e parlare con le stesse persone, puoi attivamente procurarti nuove esperienze. Molte persone si attaccano al familiare per semplificare le decisioni e creare un senso di sicurezza. Se vuoi veramente pensare in modo indipendente, devi uscire dalla tua zona di comfort.

5. Pratica l’incredulità

Senza diventare cinico, puoi sviluppare l’abitudine di dubitare istintivamente di ciò che si affida alla conoscenza convenzionale. Invece di assumere che queste “verità” siano auto-evidenti, sospendi il giudizio finchè non avrai confermato che c’è la realtà dietro la logica.

Se tutto questo ti sembra troppo difficile, considera quello che puoi guadagnare dal libero pensiero. Anche microscopici passi verso il pensare in modo indipendente incrementerà il tuo contributo al mondo. Vedrai opportunità e soluzioni che altri non vedono. Otterrai un vantaggio competitivo su pensatori meno creativi. E cosa più importante, i tuoi pensieri saranno tuoi e non solo media riciclati.

Pensa indipententemente e crea un mondo di illimitate opportunità. Ma non prendere le mie parole per fare questo, trova le tue.

2 pensieri su “Come diventare un libero pensatore

  1. Si tratta di un articolo molto profondo, e sono tante le cose che andrebbero sottolineate (e soprattutto applicate!). Per ora vorrei fermarmi alla seguente considerazione circa il pensiero indipendente, libero. Avvezzi come siamo da secoli, specie nel sociale e nel politico, a “risolvere” ogni problema mediante il famoso UCAS della mia infanzia (Ufficio Complicazione Affari Semplici, ignoro se si dica ancora), non sarà a volte la soluzione più indipendente e libera (quella del bambino nell’esempio) la “via più breve” per risolvere il problema, quella più naturale, meno violenta nei confronti della realtà? Mi piace pensare di sì.

  2. Ecco perchè è importante mettere spesso in dicussione i problemi e le relative soluzioni per trovare nuove strade. Di norma ci sono diverse soluzioni, e alcune sono migliori di altre, ma spesso ci vuole tempo e diverse menti per trovarle.

    In breve, la soluzione più diffusa non è necessariamente la migliore. La stessa cosa che disse Lao Tzu nel suo Tao Te Ching: “se la gente non ne ridesse, non sarebbe la verità”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...