Introversi: il coraggio di essere sè stessi

Torno ancora una volta a parlare di introversione e di come questo orientamento influenzi le relazioni sociali perchè credo sia un argomento trascurato dai più che magari dovrebbero o vorrebbero interessarsene.

Quelli che appartengono a questa categoria (introversi) tendono a subire il proprio modo di essere invece che esprimerlo. Accettare il proprio carattattere e agire di conseguenza significa sentirsi finalmente liberi di essere sè stessi senza la paura del giudizio degli altri. La domanda fondamentale da porti è questa: perchè quando sto in mezzo alla gente mi sento in qualche modo "legato" e incapace di esprimermi?

Quello che ho imparato è che questa sensazione di inadeguatezza non scaturisce dall’introversione in sè, ma dalle pressioni sociali esterne. Se da introverso trovi che il tuo stato naturale, in cui stai confortevolmente, è l’introspezione, allora perchè in mezzo alla gente a volte ti senti a disagio? Il tutto nasce dal volerti forzare a interagire quando non ne senti il bisogno solo "perchè è giusto così". Sforzarti continuamente di fare qualcosa che non ti senti di fare, ha come unico risultato quello di farti sentire frustrato e di esaurire le tue energie prima ancora che tu possa usarle in maniera costruttiva.

La soluzione? Non nuotare controcorrente, seguila!

  • Quando non senti il bisogno di interagire, non farlo.
  • Le persone che ancora non ti conoscono potrebbero pensare che sei scortese (suggerimento: accade meno spesso di quanto pensi), allora spiegagli che non è così.

Ho notato che quando mi lascio libero di essere quello che sono, spesso mi concedo di starmene pensosamente (e piacevolmente) per i fatti miei, e quando mi viene voglia di compagnia divento molto socievole.


Commenti

Fanciullino (27/11/2007)

Mi sento di poter confermare le tue tesi.

Fanciullino (27/11/2007)

A proposito: bello il sito fi Flicrk da dove prendi le foto! Non lo conoscevo.

Manuel (28/11/2007)

E’ un social-network specializzato in fotografia: ti iscrivi, metti foto online e commenti quelle degli altri utenti.

Io lo trovo piuttosto utile, pur non avendo l’hobby della fotografia

Annunci

Un pensiero su “Introversi: il coraggio di essere sè stessi

  1. Ho un figlio di 24 anni, introverso, fa parte di un coro, è diplomato, sta in croce rossa ed ha una famiglia…ma è sempre a casa solo esce raramente. Non ha un amico del cuore non una ragazza… Che posso fare per aiutarlo, lo sollecito ad uscire mi dice si ma poi non trova mai nessuno per fartlo, eppure ne conosce di gente. Non trova un lavoro, chiede a tutti manda curriculum ma i pochi colloqui non hanno dato frutti. Penso che non si sappia presentare o vendere . troppo onesto educato ma lento introverso pensieroso.Aiutatemi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...