La strada verso la Maestria

Studiare il campo dell’apprendimento e della memoria è molto importante per capire come acquisire nuove conoscenze e nuove capacità. Non appena si comincia ad acquisire queste conoscenze ci si rende conto di quanto spesso si adotti un approccio sbagliato e di quanto tempo e sofferenze ci si potrebbero risparmiare adottando una linea d’azione corretta. In questo articolo mi concentrerò sull’acquisizione di nuove abilità.

Scuole di pensiero

Ad esempio: quante volte ti sei trovato a voler acquisire una capacità, per poi scoprire i numerosi punti di vista, le molte scuole di pensiero, i differenti approcci apparentemente in contrasto tra loro? Quante volte ha rinunciato o sei passato continuamente da un’approccio all’altro senza ottenere nulla da nessuno di essi?

Ognuno sembra avere la risposta definitiva, e ti dice: “il mio metodo è molto migliore di quell’altro” e tu non hai modo di capire se ha ragione o meno. La verità è che molti hanno ragione, persino quelli la cui visione è in contrasto l’una con l’altra.

Il guaio è che non si ha abbastanza esperienza del problema e delle sue possibili soluzioni, quindi si è vittime della propria inesperienza.

I tre stadi della Maestria: Shu-Ha-Ri

In realtà, il raggiungere la Maestria in qualche campo è un processo a più stadi. Il processo reale lo troviamo in varie forme in molte discipline: in questo articolo mi servirò del processo di apprendimento dell’Aikido, una delle arti marziali più sottili ed elaborate creata in Giappone da Morihei Ueshiba, perchè delinea precisamente i tre stadi coinvolti.

I tre stadi, definiti Shu-Ha-Ri nell’Aikido, naturalmente si attraversano rigorosamente in questo ordine:

  1. Shu: stadio di inesperienza totale, sia per quanto riguarda il problema sia per la soluzione proposta dal metodo in esame. Per questo il praticante ha bisogno di una “ricetta”, una sequenza di istruzioni ben definite da praticare in modo meccanico finchè non diventano una seconda natura. Nell’ambito dell’Aikido in questo stadio l’allievo costruisce il fondamento tecnico dell’arte eseguendo esattamente i movimenti mostrati dal Maestro.
  2. Ha: in questo stadio si è costruita la propria base di esperienza e si comincia ad esplorare e sondare i limiti di applicazione del metodo imparato. Dato che la realtà è un qualcosa di fluido e non esiste una soluzione universale che va bene in ogni situazione, questo stadio comporta il rendersi conto di questo fatto e l’iniziare ad esplorare altre strade. Mentre nel primo stadio la mente dello studente era totalmente presa dai particolari “meccanici” di esecuzione, in Ha sono diventati una seconda natura ed è ora in grado di ragionare sulla loro natura e il loro significato. Si matura una comprensione profonda dell’arte e della sua applicazione alla Realtà. Da questa attività mentale ci si rende conto che esistono più strade verso un dato obbiettivo, e sperimentando con la loro applicazione si diventa in grado di applicare quella più adatta ad ogni situazione. In altre parole si aggiungono strumenti alla propria personale “cassetta degli attrezzi” o bagaglio tecnico. Ora si ha la base di esperienza necessaria per distinguere le differenze e gli ambiti di applicazione delle varie scuole, di riconoscere pattern e applicarli.
  3. Ri: è lo stadio della trascendenza, dell’andare oltre il metodo appreso. A questo punto lo studente è diventato un praticante, ha sviluppato la propria comprensione e comincia a sviluppare le proprie idee personali e a testarle nella Realtà. L’arte è diventata parte del praticante che la applica senza nemmeno rendersene conto. Dispone di soluzioni diverse, è in grado di applicare la migliore ad ogni situazione ed è persino in grado di creare una soluzione ad-hoc quando non ne esiste una preesistente. Dopo un certo tempo in Ri, il praticante è un Maestro.

La coscienza di Shu-Ha-Ri

Con la tua nuova conoscenza degli stadi di apprendimento, ora capirai il perchè certe soluzioni pur essendo tutte vere non sono adatte per tutti: insegnamenti dati ad uno stadio diverso da quello in cui ci si trova, pur essendo corretti, sono inutili e persino dannosi. Ecco perchè nell’Aikido questa distinzione è molto ben conosciuta da ogni Maestro, ed è il Maestro stesso a decidere quando un allievo è pronto per passare allo stadio di insegnamento successivo.

Userò sempre l’Aikido per mostrare come gli insegnamenti ad uno stadio diverso siano inadatti:

  1. Shu: uno studente a questo stadio è, come precedentemente illustrato, inesperto e ha bisogno di istruzioni precise. Un insegnamento a livello Ha di solito non si cura dei minimi particolari tecnici di cui invece ha bisogno lo studente in Shu, e invece illustra diversi approcci: di conseguenza il povero studente sarà confuso perchè non saprà cosa applicare e quando, e frustrato dagli insuccessi perchè non saprà come applicare quegli insegnamenti. L’allievo potrebbe essere sopraffato dalla confusione e mollare tutto, oppure potrebbe praticare erroneamente a causa della mancanza dei fondamenti. Per non parlare poi dello stadio Ri: “non pensarci troppo”, “è facile lasciati andare”. Tutti insegnamenti corretti, ma solo con una valida base a disposizione e quindi assolutamente inutili al novizio.
  2. Ha: l’allievo diventa praticamente, dispone di un bagaglio tecnico di base e può cominciare a ragionare sul significato, ma ancora una volta suggerimenti “vaghi” e trascendenti come quelli dello stadio Ri sono più che altro fonte di confusione.
  3. Ri: qua non c’è molto da dire visto che il praticante continua a camminare con le proprie gambe e ad esercitare il proprio pensiero critico. Qui è più che altro la Realtà, la Vita, a fare da maestra.

Si comincia!

Ogni viaggio di mille miglia comincia con un passo.
– Lao Tzu, Tao Te Ching

Qual’è il modo migliore di fare il primo passo verso la maestria? Una volta chiaro cosa vuoi apprendere, guardati in giro e cerca un metodo che ti garba: non perderci troppo tempo e fidati del tuo istinto. Dopodichè applicati in quel metodo con costanza e senza curarti di altro fino a che raggiungi lo stadio Ha.

Una cosa è certa: sarà un viaggio estremamente eccitante🙂

6 pensieri su “La strada verso la Maestria

  1. Assolutamente d’accordo; ho percorso i primi due stadi nel mio lavoro, ho dovuto apprendere delle cose per poi distaccarmene, a livello teorico è un pò complicato ma in pratica accade davvero così. Adoro l’Aikido e i suoi principi, quando passi da me lascia un pò di saggezza giapponese visto che il mio blog è frequentato soprattutto da taoisti.
    ; )

    • Certo, in pratica non è facile, ecco perchè occorre tempo e impegno per fare “kung fu” (duro lavoro eseguito con abilità).

      C’è da dire che non pratico l’Aikido (anche se mi piacerebbe), e che conosco meglio il tao ma anche lo zen mi affascina (che alla fine sono tutte facce dello stesso diamante).

      Ripasserò senz’altro😉

  2. Pingback: Pensiero critico e relatività « La Via SenzaNome

  3. bellissimo blog. Mi serve molto leggere queste cose quando mi sembra che nulla di quello che ho intorno (strumenti, tempo, metodi…) si adatti a come sono io!

    • Ti ringrazio Giorgia🙂

      A volte non si sa abbastanza delle cose che hai intorno e di come si usano per sapere se sono adatte a te o no. Per come la vedo io bisogna cercare qualcosa di adatto ma senza perderci troppo tempo altrimenti diventa una scusa per procrastinare.

      Felice di esserti stato utile, ciao!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...